SOMMARIO
  • Caso pratico
  • Spiegazioni e conclusioni
  • Normativa
  • Giurisprudenza

A seguito dell'entrata in vigore della l. 18 dicembre 2020, n. 176, di conversione del d.l. 28 ottobre 2020, n. 137, l'assenza di atti di frode in pregiudizio dei creditori non può dirsi un requisito necessario per l'apertura della procedura di liquidazione del patrimonio di cui all'art. 14 ter l. 27 gennaio 2012, n. 3.



Il contenuto integrale è riservato solo agli utenti abbonati che hanno effettuato la Login.

Accedi

oppure

Abbonati



Chiudi

Gentile Cliente,

per problemi generalizzati sull'infrastruttura di rete del nostro fornitore, si riscontrano malfunzionamenti sui nostri siti web.

 

Ci scusiamo per il disagio.

Giuffrè Francis Lefebvre