SOMMARIO
  • Caso pratico
  • Spiegazioni e conclusioni
  • Normativa

Il Tribunale di Grosseto, con l emissione di due distinti provvedimenti, dichiarava l' inammissibilità all’accesso della procedura di liquidazione  ex art. 14 ter L. 3/2012 adducendo, per ambedue i casi “la insussistenza della convenienza economica” e “non apprezzabile soddisfazione del ceto creditorio proposto” e, per solo uno dei due, altresì, la inconsistenza della liquidazione a fronte della ancora asseritamente prolungata “vita lavorativa” dell’istante, ancorché ambedue i piani fossero stati debitamente asseverati ex art. 9 L.3/2012 dai rispettivi Gestori della Crisi nominati dalla Camera di commercio competente per territorio



Il contenuto integrale è riservato solo agli utenti abbonati che hanno effettuato la Login.

Accedi

oppure

Abbonati



Chiudi

Gentile Cliente,

Crisi e Risanamento chiuderà come da contratto entro la fine del mese di Ottobre.

Per poter rimanere aggiornato sulle ultime novità in tema di fallimento,
visita il portale di approfondimento ilFallimentarista