SOMMARIO
  • Caso pratico
  • Spiegazioni e conclusioni
  • Normativa
  • Giurisprudenza
  • Per approfondire

L'art. 4 ter comma 1 lett. I), D.L. 137/2020, convertito con modifiche dalla L. 176/2020 ha implicitamente abrogato l'art. 14 quinquies, comma 1, L. 3/2012 nella parte in cui prescriveva la verifica dell'assenza di atti in frode ai creditori negli ultimi cinque anni quale requisito di accesso alla procedura di liquidazione del patrimonio.



Il contenuto integrale è riservato solo agli utenti abbonati che hanno effettuato la Login.

Accedi

oppure

Abbonati



Chiudi

Gentile Cliente,

per problemi generalizzati sull'infrastruttura di rete del nostro fornitore, si riscontrano malfunzionamenti sui nostri siti web.

 

Ci scusiamo per il disagio.

Giuffrè Francis Lefebvre